Affidabilità: Alfa Romeo tra le prime cinque Case

0
3121
alfa romeo giulia quadrifoglio bialbero.it

Secondo uno studio della testata Whatcar?, Alfa Romeo è il quinto costruttore al mondo per affidabilità. E davanti non troviamo la diretta concorrenza…

 

Whatcar è un magazine inglese che tratta soprattutto recensioni di nuovo e usato. Secondo una ricerca pubblicata negli scorsi giorni, Alfa Romeo risulterebbe al quinto posto in termini di affidabilità. Lo studio, condotto su centinaia di modelli di circa 30 Case automobilistiche, si basa sull’esperienza degli utenti.

Niente di più veritiero insomma: un risultato scevro delle logiche di marketing che troppo spesso condizionano le redazioni di buona parte della stampa automobilistica. Le interviste somministrate a quasi 15000 drivers restituiscono uno spaccato del mercato attuale piuttosto chiaro. Alfa Romeo è al quinto posto per affidabilità, e nessuna altra europea si piazza davanti.

La classifica: davanti solo made in Japan

Agli intervistati è stato chiesto di raccontare i guai accaduti alle proprie automobili nell’ultimo anno. Dato il numero di esemplari in circolazione, la quantità di problemi registrati e la loro gravità ci danno un dato in percentuale che costituisce il rating della classifica:

  1. Lexus – 92.1%
  2. Mitsubishi – 90,8 %
  3. Toyota – 89,6%
  4. Suzuki – 86,6 %

Le domande dell’intervista

“Stato della batteria, carrozzeria, impianto frenante, motore, elettronica del motore, scarico, illuminazione esterna, sistema di alimentazione, cambio/frizione, qualità interna, elettronica generale, sterzo, sospensioni e altro. Gli intervistati hanno dovuto rispondere ad alcune semplici domande: quanti problemi ha avuto la tua auto negli ultimi 12 mesi? Quanto tempo ci è voluto per sistemarli? E quanto ti è costato l’intervento di riparazione?”

alfa romeo affidabilità bialbero.itAffidabilità Alfa Romeo al quinto posto

L’85,5% ottenuto da Alfa Romeo va letto quindi in un’ottica positiva, considerando la “fama” (speso viziata da discutibili testate nostrane, ndr) di cui il brand gode in Patria a riguardo. Ma emerge un dato che forse difficilmente vedrete “strillato” qua e la nel web: che nessuna delle dirette concorrenti tedesche si piazza meglio.

Un altro mattone sul quale costituire le basi per una rinascita piena, un percorso lungo e coraggioso di cui Giulia e Stelvio rappresentano solo il primo passo. E che passo…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here